Crea sito

Categorized | Film, MainStream

American Sniper: una recensione

zniper

Polpettone propagandistico: se volessimo liquidare in due parole American Sniper di Clint Eastwood non sarebbe affatto sbagliato descriverlo così. Racchiude tutte le banalità della classica narrazione cinematografica “eroica” degli Stati Uniti d’America: il ragazzone dai buoni sentimenti, bravo con la fidanzata, la famiglia e gli animali (anche se orgoglioso cacciatore), parte in guerra per difendere la patria; la guerra è dura e lo piega, ma non lo spezza: il nostro eroe tornerà a casa ottimo padre e marito.

Detto questo non possiamo non renderci conto di trovarci di fronte ad una sorta di summa di tutto il genere, e non possiamo non ammettere che abbiamo pagato volentieri per vedere quello che forse è un capolavoro della propaganda statunitense. Ai tempi del fascismo la propaganda veniva infilata, con ilarità degli italiani, prima dei film attraverso i cinegiornali, ma ora l’italiano (e il mondo intero) si mette in fila, compra il biglietto e si spara due ore di lavaggio del cervello.

Nel film troviamo la classica ideologia statale americana: il mondo è diviso in lupi (i nemici degli Usa), le pecore (il popolo americano) e i cani pastore (l’esercito che difende il gregge). Ma la stessa visione del mondo, traslata a livello globale, indica come – se i lupi sono sempre coloro che di volta in volta vengono considerati nemici dalla politica americana – le pecore siano gli altri popoli del mondo sotto sfera di influenza yankee e i cani pastore gli Stati Uniti, appunto il gendarme del mondo “occidentale”.

Sarebbe banale sottolineare come nel film manchi del tutto una spiegazione o analisi del significato della guerra che i protagonisti portano avanti in Iraq: il Bene si fronteggia al Male senza esclusione di colpi, siano essi bambini, donne, ma non i cani del nemico, sempre graziati. Soltanto popoli castrati come il nostro quando tentano di riflettere sul proprio passato e presente mettono avanti riflessioni critiche, tarpando le ali per il proprio futuro. Gli Stati Uniti si confermano potenza ideologica e per questo andrebbero ammirati e presi ad esempio.

Non mi vergogno ad ammettere di essermi commosso durante i titoli di coda, quando vengono proiettate le immagini dell’autentico funerale del soldato la cui storia ha ispirato il film, in un tripudio di bandiere a stelle e strisce e una marea di cittadini per le strade. Solo chi ama la propria Patria riconosce l’amore per le altre e per le altre culture, e anche se gli Stati Uniti sono senza ombra di dubbio il nostro nemico principale e rappresentano il punto più basso della civiltà, non possiamo che tributargli il rispetto che ogni popolo merita. Clint Eastwood fa elogiare al proprio eroe l’infantile motto “Dio, Patria e Famiglia” ed è incredibile pensare che mentre il protagonista lo pronuncia è l’intero popolo americano ad affermarlo. E’ in questa semplicità e autenticità di pensiero che risiede la forza della potenza Usa, una forza che solo chi non è sottomesso ad altri poteri può avere.

In definitiva la differenza fra noi e loro risiede tutta qui: pur avendo un patrimonio di cultura, intelligenza, storia incommensurabile, noi oggi siamo una colonia. Loro hanno uno Stato, noi un’amministrazione. Noi abbiamo Roberto Benigni, loro Clint Eastwood.

Matteo Guinness

SeguiCori in tempesta

LEGGI ANCHE...

Presidente della Repubblica: Napolitano, il settennato bis è incostituzionale?

Presidente della Repubblica: Napolitano, il settennato bis è incostituzionale?

di: Alberto Lucarelli E’ costituzionale o meno la rielezione di Giorgio Napolitano alla Presiden ...

Categorie

“Immagini il silenzio se tutti dicessero solo quello che sanno?”
by Karel ?apek

Archivi