Crea sito

Categorized | Carosello, Cultura, Economia, Esteri, Europa

Comprendere la crisi ucraina in 15 minuti

glaziev-510x303

di: Mike Whitney

Sergei Glaziev, consigliere di Vladimir Putin

Se si vuole comprendere cosa sta succedendo in Ucraina, allora bisogna guardare questo video di 15 minuti con il  consigliere e amico di Putin, Sergei Glaziev. Glaziev spiega come i cambiamenti strutturali nell’economia mondiale, e uno spostamento verso l’Asia, hanno accelerato un disperato tentativo dei politici americani di mantenere la loro presa sul potere istigando una guerra in Europa. Sia che siate d’accordo o no con questa analisi, troverete Glaziev brillante, erudito e appassionato nelle sue convinzioni. Solo per questo, guardare il video è tempo ben speso.

Sotto trovate la trascrizione del video, e mi scuso per eventuali errori non intenzionali nel testo. Inoltre, le “voci” in grassetto sono mie.

1. I cambiamenti strutturali nell’economia globale sono spesso preceduti da grandi crisi e tensioni

Il mondo di oggi sta attraversando una sovrapposizione di una lunga serie di crisi cicliche. La più grave di queste è una crisi tecnologica che è associata con cambiamenti nelle lunghezze d’onda dello sviluppo economico. Stiamo vivendo in un periodo in cui l’economia sta cambiando la sua struttura. La struttura economica che ha guidato la crescita economica degli ultimi 30 anni si è esaurita. E’ necessaria una transizione verso un nuovo sistema di tecnologie.

Questo tipo di transizione, purtroppo, è sempre avvenuta tramite la guerra. Così è stato negli anni ’30, quando la Grande Depressione diede il via ad una corsa agli armamenti e poi alla Seconda Guerra Mondiale. Così è stato durante la Guerra Fredda, quando la corsa agli armamenti nello spazio diede luogo alle complesse tecnologie dell’informazione e della comunicazione, che divenne la base di una struttura tecnologica che ha guidato l’economia mondiale negli ultimi 30 anni. Oggi siamo di fronte a una crisi simile. Il mondo si sta spostando verso un nuovo sistema tecnologico.

2. Putin spinge una zona di libero scambio per facilitare la transizione verso la Nuova Economia Globale

Il nuovo sistema è di natura umanitaria e quindi potrebbe evitare una guerra, perché i principali vettori di crescita su questa lunghezza d’onda sono le tecnologie umanitarie. Questi includono le industrie sanitarie e farmaceutiche, basate sulle biotecnologie. Comprendono anche le tecnologie di comunicazione basate sulla nanotecnologia che sta facendo oggi importanti passi avanti. E coinvolgono le tecnologie cognitive che definiscono una nuova somma della conoscenza umana. Se, come costantemente avanzato dal Presidente Putin, siamo stati in grado di accettare un programma comune per lo sviluppo, una zona di sviluppo generale, con un regime commerciale preferenziale da Lisbona a Vladivostok, se fossimo d’accordo con Bruxelles per creare uno spazio economico comune , un’area comune di sviluppo, potremmo trovare un numero sufficiente di progetti innovativi, dalla salute alla difesa contro le minacce spaziali, per soddisfare il nostro potenziale scientifico e tecnico, creando così una domanda costante da parte dello Stato, la quale darebbe una spinta al nuovo sistema tecnologico.

3. Washington considera la guerra in Europa come il miglior modo per conservare la propria egemonia

Tuttavia, l’America ha intrapreso la sua solita strada. Per mantenere il predominio sul mondo stanno provocando un’altra guerra in Europa. Una guerra è sempre un bene per l’America. Hanno definito la Seconda Guerra Mondiale, che ha ucciso oltre 50 milioni di persone in Europa e in Russia, una guerra buona. E’ stata un bene per l’America, perché gli Stati Uniti sono emersi da questa guerra come potenza leader a livello mondiale. Anche la guerra fredda, che si è conclusa con il crollo dell’Unione Sovietica, era per loro una guerra buona. Ora gli Stati Uniti vogliono di nuovo mantenere la leadership a scapito dell’Europa. La leadership americana è minacciata da una rapida crescita della Cina. Il mondo di oggi si sta spostando verso un altro ciclo, questa volta politico. Questo ciclo dura ormai da secoli ed è associato con le istituzioni globali che regolano l’economia.

Ci stiamo spostando dal ciclo americano di accumulazione del capitale ad un ciclo asiatico. Questa è un’altra crisi che sta sfidando l’egemonia statunitense. Per mantenere la loro posizione di leader di fronte alla concorrenza con una Cina in ascesa e in altri paesi asiatici, gli americani stanno iniziando una guerra in Europa. Vogliono indebolire l’Europa, rompere la Russia e sottomettere tutto il continente eurasiatico. Cioè, invece di una zona di sviluppo da Lisbona a Vladivostok, come proposto dal Presidente Putin, gli Stati Uniti vogliono iniziare una caotica guerra su questo territorio, coinvolgere tutta l’Europa nella guerra, svalutare il capitale europeo, ripianare il proprio debito pubblico, sotto il peso del quale gli Stati Uniti stanno già cadendo a pezzi, ripianare il debito con l’Europa e la Russia, soggiogare il nostro spazio economico e stabilire il controllo sulle risorse del gigantesco continente eurasiatico. Essi ritengono che questo sia l’unico modo per mantenere la loro egemonia e sconfiggere la Cina.

Purtroppo, la geopolitica americana a cui stiamo assistendo è esattamente quella del 19 ° secolo. Gli americani pensano in termini di lotte geopolitiche tipiche dell’Impero Britannico: divide et impera. Mettere nazioni contro altre nazioni, coinvolgerle nel conflitto e iniziare una guerra mondiale. Gli americani, purtroppo, continuano questa vecchia politica britannica per risolvere i loro problemi. La Russia è stata scelta come vittima di questa politica, mentre il popolo ucraino è l’arma di questa scelta, e carne da cannone di una nuova guerra mondiale.

Prima gli americani hanno mirato l’Ucraina per separarla dalla Russia. Questa tattica giunge da Bismarck. Questa tradizione anti-russa ha l’obiettivo di coinvolgere la Russia nel conflitto, al fine di prendere in consegna tutto lo spazio eurasiatico. La strategia è stata portata avanti prima da Bismark, poi ripresa dagli inglesi e alla fine dal principale politologo americano Zbigniew Brzezinski, che ha, in molte occasioni, affermato che la Russia non può essere una superpotenza senza l’Ucraina e che dal coinvolgimento della Russia con l’Ucraina ne potrà beneficiare l’America e l’Occidente.

Negli ultimi 20 anni, gli americani sono stati vicini al nazismo ucraino rivolto contro la Russia. Come sapete, hanno ospitato i resti di Bandera. Decine di migliaia di ucraini nazisti furono portati in America e sono stati accuratamente indottrinati durante tutto il periodo del dopoguerra. Questa ondata di immigrati ridiscese in Ucraina, dopo il crollo dell’Unione Sovietica. L’idea di un partenariato orientale è stata utilizzata come esca. Venne lanciata prima dai polacchi e poi ripresa dagli americani. La Georgia è stata la prima vittima. Ora lo è l’Ucraina e presto sarà il turno della Moldova di recidere i legami con la Russia. Come sapete, stiamo costruendo l’Unione doganale, ed uno spazio economico comune con la Bielorussia e il Kazakistan, presto affiancati da Kirghizistan e Armenia. L’Ucraina è stato un nostro partner di lungo termine. L’Ucraina sta ancora ratificando l’accordo con la Russia, che nessuno in Ucraina ha ancora cancellato. L’Ucraina per noi è importante in quanto parte del nostro spazio economico e per i nostri lunghi secoli di legami e di cooperazione.

Il nostro complesso scientifico e industriale è stato creato insieme, quindi, la partecipazione dell’Ucraina all’integrazione europea è del tutto naturale e vitale. Il partenariato orientale è stato creato per impedire la partecipazione dell’Ucraina al progetto di integrazione eurasiatica. Il significato del partenariato orientale è quello di creare una associazione con l’Unione europea. Qual è l’associazione che è stata firmata da Poroshenko con i leader europei? E’ la trasformazione dell’Ucraina in una colonia. Con la firma della convenzione con l’associazione, l’Ucraina perde la sua sovranità. Trasferisce il controllo del suo commercio, delle sue dogane, della sua regolamentazione tecnica e finanziaria e degli appalti pubblici a Bruxelles.

4. La giunta ucraina nazista è uno strumento della politica degli Stati Uniti

L’Ucraina cessa di essere uno stato sovrano nella sua economia e politica. E’ chiaramente indicato nel contratto che l’Ucraina è un partner minore nell’Unione Europea. L’Ucraina deve seguire una difesa comune e la politica estera dell’Unione europea. L’Ucraina è obbligata a partecipare alla risoluzione dei conflitti regionali sotto la guida dell’UE. In tal modo Poroshenko sta rendendo l’Ucraina una colonia della UE e portando l’Ucraina in guerra con la Russia come carne da cannone, con l’intenzione di innescare una guerra in Europa. Lo scopo dell’accordo di associazione è quello di consentire ai paesi europei di governare l’Ucraina nella risoluzione dei conflitti regionali. Quello che sta accadendo nel Donbass è un conflitto armato regionale. L’obiettivo della politica americana è quello di creare il maggior numero di vittime possibile. La giunta nazista ucraina è uno strumento di questa politica. Stanno portando avanti insensate atrocità e crimini bombardando le città, uccidendo civili, donne e bambini e costringendoli a lasciare le loro case, solo per provocare la Russia e quindi portando l’intera Europa in guerra. Questa è la missione di Poroshenko. Questo è il motivo per il quale Poroshenko rifiuta qualsiasi negoziato di pace, bloccando tutti i trattati di pace. Interpreta qualsiasi dichiarazione da Washington su de-escalation del conflitto al contrario. Tutti i colloqui di pace che hanno avuto luogo a livello internazionale hanno portato un nuovo ciclo di violenza.

Dobbiamo capire che abbiamo a che fare con uno stato nazista, che è determinato ad una guerra con la Russia e che ha dichiarato la coscrizione generale. L’intera popolazione maschile tra i 18 ei 55 anni è stata portata sotto le armi. Coloro che si rifiutano saranno condannati a 15 anni di carcere. Questo criminale potere nazista rende criminale  tutta la popolazione ucraina.

5. Washington sta portando l’Europa in guerra per i propri interessi

Abbiamo calcolato che l’economia europea perderà circa un trilione di euro dalle  sanzioni imposte loro dagli americani. Si tratta di cifra enorme. Gli europei stanno già contando le perdite. C’è già un calo delle vendite verso la Russia. La Germania perde circa 200 miliardi di euro. I nostri amici più accaniti dei paesi baltici subiranno le perdite maggiori. La perdita per l’Estonia sarà maggiore del suo PIL. La perdita per la Lettonia sarà circa la metà del suo PIL. Ma questo non li ferma. I politici europei si stanno unendo agli americani senza mettere in discussione quello che stanno facendo. Si stanno danneggiando, provocando il nazismo e la guerra. Ho già detto che la Russia e l’Ucraina sono le vittime di questa guerra fomentata dagli americani. Ma anche l’Europa è una vittima, perché la guerra ha lo scopo di colpire il benessere degli europei e di destabilizzare l’Europa. Gli americani si aspettano che la fuga dei capitali e dei cervelli europei verso l’America continuerà. Ecco perché stanno mettendo tutta l’Europa in fiamme. E’ molto strano che i leader europei si stiano unendo a loro.

6. La Germania è ancora territorio occupato

Non dovremmo solo sperare che i leader europei sviluppino una politica indipendente, ma dobbiamo lavorare con una nuova generazione di leader europei che sono liberi dal diktat americano. Il fatto è che l’ élite politica anti sovietica si era formata negli anni post guerra fredda in Europa, diventando molto rapidamente anti russa. Nonostante il notevole ampliamento dei legami economici e gli enormi interessi economici reciproci tra l’Europa e la Russia, la russofobia è basata sull’ sovietismo e rimane ancora nella mente di molti politici europei. Ci vorrà una nuova generazione di pragmatici politici europei per comprendere i propri interessi nazionali. Quello che vediamo oggi sono politici che agiscono contro i loro interessi nazionali. Ciò è in gran parte dovuto al fatto che la Germania, che è il motore della crescita europea, è ancora un paese occupato. Le truppe americane sono ancora in Germania e ogni cancelliere tedesco giura ancora fedeltà agli americani di seguire le orme della loro politica. Questa generazione di politici europei non è riuscita a liberarsi dal giogo dell’occupazione americana.

7. La rinascita del nazismo

Anche se l’Unione Sovietica non esiste più, continuano maniacalmente a seguire Washington, ad espandere la NATO e ad impossessarsi di nuovi territori sotto il loro controllo. Nonostante il fatto che essi siano già “allergici” ai nuovi membri europei orientali dell’UE. L’Unione europea sta già scoppiando, ma questo non impedisce loro di continuare la loro aggressiva espansione nel territorio posto sovietico. Spero che la nuova generazione sia più pragmatica. Le ultime elezioni del Parlamento europeo mostrano che non tutti si fanno ingannare da questa propaganda pro-americana contro la Russia e dal costante flusso di menzogne ​​che sta piovendo sui popoli europei. I partiti europei tradizionali hanno perso nelle recenti elezioni nel parlamento europeo. Quanto più si racconta la verità, maggiore sarà la reazione, perché quello che sta accadendo in Ucraina è la rinascita del nazismo. L’Europa riconosca i segni della rinascita del fascismo dalle lezioni della seconda guerra mondiale. Abbiamo bisogno di risvegliare questa memoria storica, in modo che essi vedano nei nazisti ucraini, che sono ora al potere a Kiev, i seguaci di Bandera, Shukhevych e di altri collaboratori nazisti. L’ideologia delle attuali autorità ucraine ha le sue radici nell’ideologia dei complici di Hitler che hanno ucciso gli ebrei a Babi Yar, bruciato gli ucraini e i bielorussi e annientato tutti, senza distinzioni etniche. Questo nazismo sta  rinascendo oggi. Gli europei devono riconoscere la loro propria morte in questa terribile scontro.

Spero che se continuiamo a diffondere la verità, saremo in grado di salvare l’Europa dalla minaccia della guerra.

Nota: Un ringraziamento speciale a Vineyard of the Saker per la pubblicazione di questa incredibile intervista.

LINK: Understanding Ukraine in 15 Minutes

DI: InformazioneScorretta

SeguiCori in tempesta

LEGGI ANCHE...

La lettera di Assad agli Stati Uniti: come la Siria sta attirando il presidente Obama nella sua ragnatela

La lettera di Assad agli Stati Uniti: come la Siria sta attirando il presidente Obama nella sua ragnatela

di: Robert Fisk La Siria ha chiesto a Washington di avviare una collaborazione militare e di int ...

Categorie

La fede cieca nell’autorità è il peggior nemico della verità.
by Albert Einstein

Archivi